PALLE DI NATALE

La palla più grande spacciata per le feste natalizie è quella che siamo tutti più buoni…poi c’è l’obbligo della felicità, o almeno della serenità, il benessere in famiglia e via dicendo.

palle

Eppure, durante le feste, i disagi psicologici aumentano di circa il 20%, spesso l’auspicato benessere è minacciato come minimo dallo stress dei regali, dalla sensazione di essere soli in mezzo alla gente, fino ad arrivare a veri e propri stati di angoscia, a volte anche per recrudescenze del dolore per la perdita di qualche persona cara.

L’unica cosa che mi sembra piuttosto vera è che a Natale torniamo un po’ tutti bambini e, in questo stato di regressione alimentata dai messaggi consumistici che ci promettono la gioia di un bel regalo o una buona mangiata e dalle lucine colorate che ci circondano, siamo condizionati da aspettative arcaiche che, spesso, invece di bendisporci, rinnovano le nostre disillusioni.

Inoltre, l’approssimarsi della fine dell’anno, ci spinge spesso a una rivisitazione di successi e insuccessi che non è sempre facile da gestire.

Ma noi siamo adulti, e possiamo confrontarci meglio con i sogni di un “magico Natale”, sapendo bene, ormai, che quello che ci è concesso, per i più fortunati, è di renderlo noi stessi magico, a uso e consumo di chi, bambino, lo è davvero. Se riusciamo a godere di questo, del fatto di renderlo allegro per coloro che ci sono vicino, soprattutto per i bambini, allora sarà un “buon” Natale, una festa “comandata”, come tante altre feste, da condividere secondo le tradizioni.

Se non ci riusciamo, non facciamocene un cruccio, né una colpa, ma sforziamoci di ascoltarci per capire cosa vogliamo davvero.

Riuscire ad ascoltarsi non è sempre facile, ma sicuramente ci sono dei suggerimenti da cui possiamo partire:

  • Trovare uno spazio e un tempo nella giornata per fare silenzio intorno e dentro di noi
  • Accogliere i pensieri che ci attraversano la mente, senza giudizi o valutazioni
  • Prestare attenzione alle sensazioni corporee e ai sentimenti che accompagnano tali pensieri
  • Cercare di fare una distinzione onesta tra quelli che sono i nostri desideri e quelli che assomigliano di più ad aspettative altrui 

Basta poco per entrare in contatto con i nostri veri bisogni, e questo è un presupposto essenziale per riuscire a fare le scelte più giuste per noi e per trovare dei compromessi che non ci logorino nell’alternarsi di scontentezza e sensi di colpa. In questo modo potremmo decidere di passare un pranzo in compagnia o un pomeriggio in solitudine, di partecipare a un megafestone o trascorrere una serata tranquilla, con maggiore libertà. C’è anche un effetto collaterale, che potrebbe sorprenderci a scoprire che troviamo interessante e piacevole stare con gli altri: se impariamo ad ascoltare davvero noi stessi diventiamo migliori ascoltatori dell’altro.

L’altruismo è la tecnica più divertente per insegnare all’egoista che è in noi ad accettare la realtà.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

3 risposte a PALLE DI NATALE

  1. gigiu ha detto:

    Mi ritrovo un po’ in tutto quello che hai scritto….Voglio lasciarmi le aspettative alle spalle e godere di questo giorno appieno, non perché è “Natale”, ma perché è un’occasione ormai rara di stare con tutte le persone a cui voglio più bene e che ormai vedo tanto poco e insegnare ai miei figli il valore della famiglia e dell’amore, ogni giorno.

  2. francesca ha detto:

    A ogni giorno il suo affanno… e Natale può essere un giorno diverso se la mattina, al risveglio, ci regaleremo l’elenco di tutte le cose belle che abbiamo e che troppo spesso trascuriamo. Auguri!

  3. Mario ha detto:

    Veramente ben fatoo! Un’analisi delle percezioni interne che accompagnano le festività che identifica uno stato di disagio che ho sperimentato più volte. I miei più sinceri complimenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...