LO SGUARDO DI MEDUSA

la-polvere-sotto-il-tappeto-T-sNGWNoUn consiglio che si sente molto spesso, sia in contesti prettamente terapeutici, sia in quelli spirituali – terapeutici anch’essi – è quello di stare con la propria solitudine; ascoltare e guardare il vuoto ignorato che custodiamo nel nostro profondo.

Mi accorgo che molte persone pensano di farlo, guardando il soffitto e/o stordendosi nel frattempo con pseudo metodi anti–ansia, e che, invece, passano il tempo a rimuginare foschi pensieri.
Questo non significa “stare col vuoto”, ma stare con l’ansia, l’angoscia e il dolore che tale vuoto ci provoca. È molto difficile superare queste emozioni e andare oltre; spesso, nel tentativo di guardare in faccia le nostre paure, vi rimaniamo impantanati e corriamo il rischio di incorrere nell’isolamento e la depressione.

Se davvero pensiamo che sia giunto il momento di scoperchiare la voragine – perché è da troppo tempo che stiamo male, perché ci sentiamo frustrati o semplicemente perché vogliamo cambiare o per qualsiasi altro motivo- facciamolo pure. Ma non rimaniamo con gli occhi fissi nel buco nero troppo a lungo, spezziamo il silenzio, troviamo una piccola occupazione, chiamiamo un amico. Diamo tempo al tempo, non pretendiamo di affrontare “tutto e subito” quello che abbiamo tenuto nascosto per anni. La risposta arriverà.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...